Loading...
Off Campus

La Social Evolution: KiwiRobotics in prima linea

Reading time: 3 minutes

Kiwi LogoFacebook, quella macchina milionaria che non ufficialmente risulta quotata 50 miliardi di dollari, conta ad oggi circa 500 milioni di utenti che, quindi, pesano meno di 100 dollari l’uno. Quanto è costato però in termini di vita relazionale ad un “animale sociale” quale è l’uomo, questa rivoluzione copernicana dei rapporti umani? In un mondo sempre più pervaso da relazioni costruite dietro ad un computer e prive di aderenza al mondo reale, troppe poche persone si sono interrogate su come sia possibile conciliare le due esigenze che caratterizzano la socialità moderna: l’attività sui social network e la conoscenza dal vero.

Immaginate di essere ad una festa piena di gente interessante: la parola d’ordine è conoscere. E’ possibile che qualcuno di voi risulti bloccato, inibito nel comunicare con un altro individuo. Quanti rapporti non sono mai nati per colpa di una tale situazione! Continuate ad immaginare…  Avete uno smartphone? Non è importante la marca o il sistema operativo, la cosa fondamentale è l’applicazione Kiwi installata. E’ mediante un semplice tocco, infatti, che è possibile “rompere il ghiaccio” e segnalare a chi ti circonda il proprio interesse ad avviare una conversazione o approfondire una conoscenza. Lo stesso meccanismo può essere applicato non solo alle feste o ai concerti, ma anche ai convegni o agli eventi di lavoro. Ecco, dunque, un mix perfetto tra advance social device e vita reale: KiwiRobotics. Non è un frutto, non è commestibile e il campo di utilizzo è davvero diverso.

I creatori di tutto questo sono quattro ragazzi universitari. Prendendo le distanze dal pericoloso meccanismo totalizzante degli esami e andando oltre le parole scritte sui libri hanno deciso di mettersi in gioco: tre economisti ed un ingegnere informatico alla prese con sistemi operativi, campagne pubblicitarie e incontri di lavoro, pur avendo un’età compresa tra i 19 e i 22 anni. I baby imprenditori, studenti della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e dell’Università di Firenze, si sono divisi i compiti proporzionalmente al loro lavoro e hanno dato vita ad un progetto imprenditoriale che diventerà realtà nella primavera del 2011. Niccolò Ferragamo (CEO), Giacomo Spigler (CTO), Filippo Rocchi (CMO) e Matteo Benetton (CFO e Investor Relations Manager): questi i nomi e i ruoli della squadra Kiwi. Il riconoscimento più grande arriva loro il 25 Ottobre: presso la Scuola Superiore Sant’Anna la KiwiRobotics viene premiata al terzo posto in fase regionale e vola di diritto a Palermo per presentare il tutto in fase nazionale. Si parla del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI) ed in Italia è la prima competizione tra progetti di impresa al alto contenuto innovativo.

Related:  China will be carbon neutral by 2060: fantasy or reality?

La programmazione, affidata all’unico ingegnere tra i quattro, prevede la creazione e la messa a punto di un profilo creabile direttamente da ogni utente che dia la possibilità agli individui non solo di condividere informazioni personali, ma anche di caricare il proprio CV e una potenziale To-Do-List per confrontare i propri impegni con quelli delle persone nelle vicinanze. Arriverà a primavera dell’anno in corso e sarà scaricabile gratuitamente. Una piccola applicazione, ma con enormi potenzialità, soprattutto tenendo conto che allo stato attuale i possessori di smartphone sono 170 milioni e il loro numero è destinato a crescere.

Al momento esiste già un sito (www.kiwirobotics.com) e un gruppo Facebook (alla pagina Kiwi – The social Evolution), ma gli eventi serali continuano ad estendersi a macchia d’olio. I prossimi saranno tra Firenze e Milano. E’ un vero e proprio attacco, una strategia aggressiva alle spalle di persone come Zuckerberg. Che sia l’inizio di qualcosa di diverso non c’è dubbio: il mondo social sta davvero per cambiare.

Vittoria Giannoni

Francesca Larosa

i giovani imprenditori di Kiwi
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Save the date: December 3rd, new Tra i Leoni edition!

Days

We dedicate this edition to the celebration of internationalism, looking both here at Bocconi and at the whole world.
Curious? Then, stay tuned!

%d bloggers like this: