Loading...
ManagementOff Campus

Startup o pizzeria?

Reading time: 2 minutes

copenaghen-danimarcaDi Alessandro Colombo

Qualche mese fa Briatore liquidava le startup come “fuffa” e consigliava a noi Bocconiani di “aprire una pizzeria”, perché “solo una startup su cento ce la fa” (in realtà sono in media quattordici, e la percenutale aumenta di molto se prendiamo in considerazione i progetti che seguono programmi di accelerazione/incubazione ndr). Punto sul vivo – sono studente dell’Emit – ho deciso di raccogliere la sua provocazione. Di startup italiane che hanno avuto successo si è già letto tanto, anche su “Tra i Leoni”, che aggiungere altro mi sembra pleonastico. Scriverò quindi della Danimarca, dove mi sono trasferito quest’estate per il Double Degree.

Strategicamente situata a due ore da Linate o Malpensa, Copenhagen si piazza al quarto posto nella classifica mondiale dei luoghi dove è più conveniente avviare un’attività. L’aliquota danese sui redditi societari è pari al 24,5% e una Srl si apre online in una manciata di minuti. Posto che anche le pizzerie beneficiano di tale fortunata legislazione commerciale, le opportunità migliori sono comunque riservate alle società innovative – le famigerate startup. I programmi della Copenhagen School of Entrepreneurship ne sono un fulgido esempio.

Fondata nel 2008, la CSE è l’incubatore ufficiale della Copenhagen Business School. Ogni anno ospita oltre 100 startup provenienti da 70 Paesi diversi, offrendo gratuitamente a ciascuna un efficace programma di mentoring (definizione del business model, pitch training, occasioni di networking con gli investitori, consulenza legale e tributaria) e uno spazio in co-working nei suoi 1000 mq di uffici. Dopo un periodo di incubazione che dura da 3 a 15 mesi, il 57% delle startup della CSE ha successo. A fronte di finanziamenti per $ 25 milioni, le società incubate hanno complessivamente generato finora $ 55 milioni di ricavi e 1100 posti di lavoro. Insomma: non prendete troppo sul serio Briatore. Stando a Wikipedia, lui iniziò proprio da una pizzeria. E fallì. 

Related:  Duterte’s Legacy: the War on Drugs and Gloomy Presidential Election
Author profile

Articles written by the various members of our team.

One comment
  1. Luciano

    Ho molto apprezzato questo commento, non tanto per lo sberleffo a Briatore (che ne merita senza sconti anche di piu’ severi …), quanto per la descrizione di una entusiasmante prospettiva di impresa per i giovani.
    Tutto bene cosi’ !!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

%d bloggers like this: