Loading...
Off Campus

#TiLSunday 3.05.2015

John Bass TiL3.05.2015
Reading time: 2 minutes

Il TedTalk della Cia, l’Expo dei milanesi snob, un ambasciatore americano che si tinge i capelli su Instagram: #TilSunday vi presenta i cinque articoli imperdibili della settimana.

di Tommaso Di Vico

Per alcuni milanesi Expo è un evento di provincia, un’enorme nave da crociera piazzata a Rho che c’entra poco con lo stile della città. Internazionale prende in giro la Milano snob e cronicamente insoddisfatta che andrà a vedere l’esposizione universale solo quando non sarà più mainstream.

Ospitare un TedTalk è ormai un must per ogni organizzazione di un certo spessore. Devono averlo pensato anche a Langley, dove il 16 Aprile si è tenuto il primo #TEDxCIA nella sede iper-blindata dell’intelligence; l’ingresso era riservato ai dipendenti, e i relatori non hanno potuto rivelare il nome del CIA official che ha introdotto l’evento. Il tema dell’incontro? La trasparenza.John Bass TiL3.05.2015

«Stupid blonde». Così il sindaco di Ankara ha definito una portavoce del Dipartimento di Stato americano dopo le condanne alla violenza della polizia turca. Un esponente del partito di maggioranza ha rincarato la dose commentando i fatti di Baltimore: «Where are you, dumb blonde, who said Turkish police used disproportionate force?», l’ambasciatore americano ha risposto tingendosi i capelli su Instagram. Foreign Policy ha scovato la vicenda più surreale della settimana.

Il video virale di questi giorni è sicuramente l’intervista al manifestante no-expo dalla sintassi incerta. Secondo Gli Stati Generali i due minuti di parole in libertà del ragazzo non sono uno scoop ma una circonvenzione d’incapace.

“The time Big Tobacco reinterpreted the Koran to try to lure muslim smokers”: negli anni ’80 le grandi imprese del tabacco provarono in tutti i modi a convincere i consumatori musulmani che fumare non fosse haram (proibito). Su Vice una storia incredibile tra giornali pakistani e leader religiosi corrotti.

Related:  A me sta meglio l’azzurro
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: