Loading...
Off Campus

Le parole di Draghi, Ciampi, e la leadership europea che manca

Europa_vertice_Bratislava
Reading time: 3 minutes

Europa_vertice_Bratislavadi Andrea Tealdi.

La rottura al vertice di Bratislava mostra ancora una volta che in Europa non c’è unità d’intenti. Forse non è una conclusione da osservare con stupore, considerato come le attenzioni di alcuni governi francese e tedesco siano molto influenzate dalle prossime elezioni. Senza contare la linea divergente dei paesi del “gruppo di Visegrad”, in particolare Ungheria e Polonia. Il documento conclusivo del Consiglio Europeo è una dichiarazione entusiastica di voler perseguire la via dell’integrazione e della cooperazione europea; ma come ha sottolineato Matteo Renzi, il testo prevede poche azioni concrete. L’unica misura innovativa è l’istituzione ufficiale della guardia costiera e di frontiera europea, oltre alla conferma della volontà di attuazione della dichiarazione UE-Turchia. La tabella di marcia di Bratislava potrà servire come partenza per un maggiore impegno reale.

Dalle notizie di Bratislava, si capisce come ci sia un altro problema: le tensioni e le divisioni del Consiglio si discostano molto dalle apparenze contenute nella dichiarazione finale. Renzi si è espresso senza mezzi termini su quello che considera un fallimento dei governi europei nel fornire una risposta efficace e coerente ai problemi che più minacciano oggi l’Europa: economia, immigrazione, integrazione, sicurezza. Al premier italiano, va riconosciuto il coraggio di esporsi e prendere una posizione chiara, come quando afferma che l’Italia è pronta ad agire da sola.

Ma negli ultimi giorni anche Mario Draghi si è esposto sul tema della debole governance dell’Europa. A Trento, in occasione del premio De Gasperi, il governatore della BCE ha sorpreso con un discorso di carattere politico, contrariamente a quanto è sua abitudine. Draghi ha ribadito la sua posizione in merito al completamento del processo di integrazione europea, e lo ha fatto con parole chiarissime. Ha invitato gli europei a chiedersi se ancora vogliano lavorare assieme, sottolineando però la necessità di una maggiore decisione: “Se, per varie ragioni, la risposta è un sì, dev’essere un sì senza condizioni”. Draghi ha incoraggiato i leader europei a concentrarsi “come De Gasperi” sugli interventi che portano a risultati tangibili e immediatamente riconoscibili dai cittadini dell’UE.

Related:  A Common European Defense

Il tema è stato anche al centro di un recente paper di Mark Blyth (Brown University) e Gianpiero Petriglieri (INSEAD), sul tema leadership, Europa e populismi. Petriglieri fa un punto molto importante, simile a ciò che dice Draghi: i buoni leader, a differenza dei populisti, lavorano sì sulle paure, ma riescono a trarne risposte e a far coltivare la speranza. Questo non è accaduto nel caso di Brexit, non sta accadendo in America, e neanche in tanti stati d’Europa in cui imperversa il populismo. Se questo non accade nemmeno a livello di governance UE, il rischio che l’Europa fronteggia è molto alto. I leader dell’Unione stanno in molti casi ignorando le persone e hanno perso il contatto con le preoccupazioni dei loro cittadini, a cui non forniscono risposte. Il risultato è il successo dei “cattivi leader”.

Draghi conclude il suo discorso esortando a riuscire a perseguire il successo uniti, come hanno fatto i leader del passato in condizioni più difficili di queste. A Trento Draghi è stato raggiunto dalle congratulazioni di Carlo Azeglio Ciampi, che non ha potuto essere presente alla premiazione. Il 13 settembre, Ciampi si spegne dopo una vita al servizio dell’Italia e del sogno europeo. Eugenio Scalfari lo ricorda come un padre di pace, un uomo interessato al bene superiore del nostro paese, ai poveri, ai deboli e agli esclusi, caratteristiche necessarie per un vero leader.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Apply to Tra i Leoni!

Applications for Tra i Leoni, the official student newspaper, are open until September 27.

Are you interested and want to know more? Have a look at the link below, and follow us on our social media profiles!

%d bloggers like this: