Loading...
On Campus

#Elebocconi2021: Dibattito Scuola di Giurisprudenza

Reading time: 4 minutes

Il 14 aprile tre candidati per la Scuola di Giurisprudenza hanno partecipato in rappresentanza delle tre liste coinvolte (B.lab, Team, Ius@b) al dibattito organizzato da Bocconi Tv in collaborazione con Tra i Leoni. Ecco un riassunto per chi se lo fosse perso!

*Eccetto quanto indicato esplicitamente tra virgolette, sia le domande del moderatore che le risposte dei candidati sono state riformulateparafrasate per renderle più chiare e concise* 

Da TEAM, Alice Maria Cuccio  

  • 4° anno 
  • Di Reggio Calabria 
  • Responsabile eventi per Corporate Law Academy 
  • Appassionata di sport, arte, e letteratura  

Da B.Lab, Lorenzo Valentini 

  • 3° anno 
  • La lista di B.Lab vuole porsi controcorrente ed essere l’impulso per lo sviluppo della scuola di giurisprudenza come centro italiano del “nuovo dibattito giuridico”   

Da IUS@B Benedetta Ardito 

  • 3° anno 
  • IUS@B nasce due anni fà con la missione di creare un gruppo di rappresentanza dedicata esclusivamente alla scuola di giurisprudenza 
  • È tra le fondatrici dell’associazione  

Cosa concretamente vorreste fare per affrontare le incoerenze tra sillabi degli stessi corsi per studenti in corso e fuori corso (soprattutto nel primo e terzo anno)? 

TEAM – AMC:  

  • I rappresentati uscenti hanno fatto tutto il possibile per fare si che le differenze tra classi dello stesso anno fossero appianate.  
  • Per la maggior parte, i sillabi di diversi corsi sono omogenei fra di loro – il problema di incoerenze si manifesta più che altro nelle scelte del singolo professore, che rimane difficile da regolamentare. 

IUS@B – BA: 

  • Il fatto che le classi si mischino da anno in anno fa si che le differenze di programma potrebbero creare delle lacune nelle conoscenze di base richieste in corsi successivi e potrebbe pesare nel percorso accademico. 
  • Introdurre delle linee guida da parte del consiglio scolas per i programmi/sillabi di ogni corso per non creare eccessive disparità nelle conoscenze di una classe rispetto all’altra. 

B.LAB – LV:  

  • Percorso di studio dovrebbe essere lineare il più possibile nei primi tre anni. 
  • Dare la scelta a studenti fuori corso che hanno svolto un corso in lingua italiana che nel frattempo è stato impartito in inglese di sostenere l’esame nella lingua a loro scelta.  
  • Imporre una “cornice comune” nella quale ogni professore ritiene la discrezionalità di insegnamento ma che in tre anni crea un giurista che sia omogeneo tra le due classi  
Related:  Una questione di genere: dalle società alla società civile

Come possiamo migliorare l’insegnamento della lingua inglese nel primo anno di giurisprudenza per facilitare la transizione dallo lo studio in lingua completamente in italiano allo studio in inglese?  

LV:  

  • Insegnamenti di giurisprudenza hanno uno vena fortemente ancorata all’ambito domestico e i corsi svolti in lingua inglese dovrebbero avere una certa propedeuticità ad essere insegnati in lingua inglese (es. Diritto dell’unione Europea).  

AMC:  

  • Il corso di giurisprudenza ha una serie di elementi che sono fortemente domestici ed è sconsigliabile che i corsi di procedura civile, diritto privato e istituzionale, TAG e AED, ecc. vengano insegnati in lingua inglese. 
  • L’internazionalizzazione potrebbe connotare il corso di giurisprudenza solo dal quarto anno in poi.  

BA: 

  • La modifica del programma di studi si sta spostando nella direzione dell’internazionalizzazione del corso di laurea. 
  • Potenziare i corsi di lingua inglese per preparare gli studenti ad affrontare i corsi degli anni successivi in lingua inglese e anche il mondo del lavoro sempre più internazionale. 
  • Necessario contare molto sul “feedback” degli studenti nei questionari su i nuovi corsi svolti in lingua inglese (Diritto Europeo, TAG e AED, ecc.).   

Informatica per Giurisprudenza vale troppi o troppi pochi crediti?   

BA: 

  • Informatica per Giurisprudenza debba avere più peso per riflettere l’impatto che hanno le tecnologie nel lavoro dei giuristi  
  • Mantenere il prerequisito dell’ECDL al secondo anno  

LV:  

  • I crediti di Informatica per Giurisprudenza sono troppo pochi per il carico di lavoro che viene assegnato agli studenti per studiare la materia 
  • Re-assegnazione dei crediti soppesata sulla base di una “valutazione comparatistica” 

AMC:  

  • La quantità di crediti assegnati a Informatica per Giurisprudenza deve corrispondere con il lavoro che il programma richiede  
  • Aumentare il numero di crediti del corso di informatica per preparare gli studenti per il ruolo di giurista come ricercatore  
Related:  Covid-19 Outbreak at Spadolini Residence

Come si potrebbe migliorare il sistema di valutazione e assegnazione di punti per la tesi, particolarmente in confronto ad altre università?   

LV:  

  •  La re-valutazione del punteggio della tesi e una proposta al quanto irrealizzabile.  

AMC:  

  • Trasformare i sei punti della tesi — cinque + un punto bonus — in sei + uno (totale setti punti per la tesi) dove il punto bonus (per esperienze Exchange, stage, THEMIS ecc.)   
  • Possibilità di ottenere la lode pur non ottenendo sei punti su sei alla tesi   

BA: 

  • La percentuale di studenti che escono con la lode è più alta alla Bocconi rispetto a altre università e scuole di giurisprudenza – la scuola di giurisprudenza è piuttosto ferma sul punto della valutazione della tesi.  

Avete delle domande che volete fare ad altri candidati o proposte delle vostre associazioni che volete mettere in chiaro?  

AMC:  

  • Proposta “supporto tesi” per gli studenti del quarto e quinto anno nel momento di approccio alla tesi di laurea – scelta di relatore, tempistiche, ecc.  
  • Creare un evento ufficiale dedicato a chiarire il processo dello svolgimento della tesi per gli studenti di giurisprudenza.  

BA: 

  • Chiarire le opportunità disponibili a studenti di giurisprudenza per arricchire il loro percorso di studio e formazione (es. Laurea in economia dopo Giurisprudenza, Master in Diritto Tributario, specializzazione per avvocati in collaborazione con Univ. di Pavia) 

LV:  

  • Introdurre e ampliare filtro in Jobgate per posizioni “Legal” in aziende. 
  • Miglior orientamento verso il più ampio mercato di lavoro giuridico; valorizzare professioni giuridiche meno convenzionali. 
  • Organizzare un sistema a turni per esami orali. 
  • Introdurre una lezione “ad-hoc” /propedeutica di presentazione del corso per opzionali del quarto e quinto anno per aiutare gli studenti a fare delle scelte più consapevoli verso il proprio percorso di studi. 
Related:  Networking to Close the Social Distance

Domanda di BA a gli altri candidati: Che proposte avete in merito all’orientamento in entrata (“Welcome Days”)?  

AMC:  

  • La lista di TEAM non ha inserito un punto che riguardi l’orientamento in entrata. 
  • TEAM riconosce le lacune della scuola di giurisprudenza in merito al servizio di orientamento e terrà un’ottica collaborativa su questo punto.  

LV:  

  • B.Lab è sempre stata molto attiva in ambito universitario soprattutto per eventi per accogliere studenti. 

Domanda di AMC LV: Come conciliate l’approccio domestico del corso di giurisprudenza con la proposta di B.Lab di introdurre due scambi o uno scambio di un anno intero?  

LV:  

  • Non sono consapevole di una proposta del genere nel programma di B.Lab.  

NOTA del redattore: il punto 5.1 del programma di B.Lab propone: “doppio Exchange o Exchange della durata di un anno, in modo da offrire un numero di esperienze analogo a quello degli studenti di economia (sul modello dell’Erasmus) 

Author profile
Cecilia Gadina
Graphic Designer
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: